Zulu Republic, un’azienda con sede a Zurigo che rientra nelle top 50 aziende della crypto valley svizzera, ha brevettato un sistema per scambiare criptovalute su WhatsApp e per gestire dall’app un portafoglio digitale per criptovalute.

L’annuncio arriva tramite un tweet

Da  poche ore chi installa su WhatsApp il bot sviluppato da Zulu Republic, potrà accedere a una serie di servizi che sfruttano le potenzialità della blockchain.  E’ infatti possibile inviare e ricevere bitcoin (BTC), litecoin (LTC), ethereum (ETH) e ZTX token (il token della piattaforma) attraverso il bot Lite.Im. L’annuncio arriva proprio da Zulu Republic tramite un tweet

Cosa devi fare per scambiare criptovalute su WhatsApp?

Le operazioni sono molto semplici ed è sufficiente aggiungere il bot Lite.Im all’app di messaggistica e poi seguire le istruzioni che verranno visualizzate. Vediamo insieme il Tutorial!

Tutorial bot Lite.Im

Ecco i passaggi da fare per attivare il bot Lite.Im:

  1. Come prima cosa vai sul sito Lite.Im facendo questa operazione dal tuo dispositivo mobile;
  2. Inserisci il tuo numero di Cell. Riceverai immediatamente un SMS
  3. Clicca sull’ultimo Link dell’SMS;
  4. Ora ti trovi all’interno dell’app di messaggistica, a questo punto clicca INVIO;
  5. Inserisci la Password e Premi INVIO

Complimenti da questo momento il tuo Bot Lite.im è attivo!

Cosa puoi fare una volta aggiunto Lite.Im a WhatsApp?

Il servizio consente, tra le altre cose, di:

  • Inviare criptovalute (bitcoin, litecoin, ethereum, ZTX token);
  • Visualizzare lo storico delle transazioni;
  • Modificare diverse impostazioni (email, crypto predefinita, password, telefono, lingua);
  • Esportare chiavi private o recovery phrase (verrà inviato, grazie al 2FA di default, un messaggio sul numero di telefono con un codice per la conferma);
  • Abilitare il programma referral e richiedere le ricompense;
  • Visualizzare le istruzioni sul funzionamento

Rendere più’ semplici le transazioni di criptovalute

Lite.Im ha già un servizio simile utilizzabile via SMS, Facebook Messenger e Telegram, ma l’utilizzo di un un sistema di messaggistica così diffuso e usato come Whatsapp per lo scambio di criptovalute rappresenta un enorme passo avanti per l’adozione delle stesse. Permette anche a chi non è particolarmente avvezzo alla tecnologia di inviare e ricevere facilmente bitcoin e altcoin.

Facebook non sta a guardare

Intanto si vocifera che Facebook potrebbe entrare in competizione con il nuovo servizio di Lite.Im. Il token a cui Facebook starebbe lavorando entrerà a far parte delle criptovalute attualmente in circolazione e potrebbe avere come principale piazza di scambio proprio Whatsapp, già nelle mani della società di Mark Zuckerberg.

Conclusioni

E’ ormai chiaro l’evidente interesse verso il mondo delle criptovalute sia da parte dei social che degli strumenti di messaggistica, ma non dimentichiamoci che possedere criptovalute significa avere la responsabilità di custodirle senza intermediari. A tal proposito suggerisco di visionare il miglior wallet per criptovalute, ovvero il ledger nano X.

Lascia un Commento